logo provincial geographic
sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia
scritta sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia

La Fata Bema

montechiarugolo-castello-notturno19 Maggio. E' questa la data in cui, secondo la tradizione, ogni anno allo scoccare della mezzanotte lo spirito della bella e buona Fata Bema torna puntualmente a manifestarsi sugli spalti del maniero in ricordo dell'uccisione del suo amato Pio Torelli, condannato a morte dal duca Ranuccio I Farnese.
Ancora oggi, infatti, è vivo il ricordo di questo personaggio: il fantasma gentile di Montechiarugolo.
La leggenda narra una vicenda a metà strada tra fantasia e realtà e di cui ancor oggi in paese si discute come di fatti realmente accaduti.
Prima di finire i suoi giorni a Montechiarugolo Bema ebbe una vita avventurosa, ma ben poco fortunata. Nata e cresciuta a Cernobbio, in provincia di Como, la ragazza aveva nobili origini, ma quando era ancora giovanissima la sua famiglia cadde in disgrazia. Le rimase accanto solo il fedele servitore Max che iniziò a girare per l'Italia come saltimbanco. Fata-BemaBema si dedicò allo studio della divinazione e ben presto divenne un'indovina infallibile e molto nota.
Bema giunse a Montechiarugolo in una giornata di maggio del 1593 e presso il castello, nei cui boschi spesso Ranuccio Farnese duca di Parma veniva a caccia di cinghiali, la giovane allestì un piccolo palco per la predizione del futuro al quale si avvicinarono gli ospiti del maniero.
Fu avvicinata anche dal Duca Farnese che, temendo il suo fascino e le sue arti esoteriche, la rinchiuse per un periodo alla Rocchetta, le famose carceri di Parma. Dopo una lunga e dura prigionia che la portò allo stremo delle forze, la fata venne liberata a furor di popolo. Da qui la maggior parte della sua vita, Bema, la trascorse alla corte di Pomponio Torelli, poeta e letterato che viveva con la sua famiglia nel castello di Montechiarugolo. Suo figlio Pio, si innamorò di lei, che ricambiò il sentimento, ma rifiutò il fidanzamento per la differenza sociale che li divideva.
E' il periodo della presunta congiura contro Ranuccio Farnese, il quale temendo la potenza dei numerosi e potenti feudatari del Ducato inscenò una congiura contro la sua persona. Tra i congiurati venne ingiustamente condannato anche Pio Torelli e il 19 Maggio 1612 venne decapitato davanti al palazzo di Giustizia di Parma.
Disperata per la morte di Pio, Bema, si rifugiò in una piccola casa nei pressi del castello, occupandosi di dare aiuto a poveri e bisognosi fino al giorno della sua morte che avvenne senza trovare consolazione. Pare che la mummia ritrovata nelle segrete sia proprio quella della sfortunata indovina e si racconta che ogni volta che qualcuno ha tentato di spostarla dal castello il fantasma di Bema si sia vendicato con terremoti, alluvioni e pestilenze.

torna-indietro

ArchivioGuareschi

Archivio di casa Guareschi

in Sistema Museale Parmense
Archivio Guareschi - Roncole Verdi Luogo: via Processione, 160 - Roncole Verdi (PR). Orari di apertura: dalle 8,00 alle 12,00 e dalle 15,00 alle 18,00.Chiuso 1 - 20 luglio e 23 dicembre - 10 gennaio.Indirizzi, contatti e prenotazioni: tel. 0524.92495e-mail:… Leggi tutto
Salti del Diavolo

Calestano Home Page Arte e Cultura

in Arte e Cultura - Calestano
Calestano è un borgo di origine medievale situato sulle pendici dei monti sulla destra orografica del torrente Baganza, nell’omonima valle, parallela a quella del Parma. I recenti interventi di mantenimento e valorizzazione dei diversi edifici antichi che… Leggi tutto
Planimetria centro storico Borgo Val di Taro

Centro storico del "Borgo"

in Arte e Cultura - Borgo Val di Taro
Planimetria centro storico Borgo Val di Taro Il grande sviluppo edilizio degli ultimi decenni non ha coinvolto la parte più antica del centro abitato che conserva tuttora la sua struttura originaria caratterizzata da un tracciato viario rigorosamente regolare… Leggi tutto
Logo Comunità Montana delle Valli del Taro e del Ceno

Oro-idrografia del territorio di Calestano (Val Baganza)

in Arte e Cultura - Calestano
La valle del torrente Baganza è parallela alla valle del torrente Parma fino alla confluenza dei due torrenti nella città di Parma; le due valli sono separate a Sud-Est dallo spartiacque che comprende i monti Borgognone (m 1401), Polo (m 1419), Cervellino (m… Leggi tutto
Logo Comunità Montana delle Valli del Taro e del Ceno

Geolitologia del territorio di Calestano (Val Baganza)

in Arte e Cultura - Calestano
L’alta Val Baganza, a differenza dell’alta Val Parma non è mo­dellata nella roccia arenaria oli­gocenica stratificata in grosse bancate detta macigno, origina­ta da sedimenti di sabbie in fondali marini profondi (fino a 2000 m. circa) in un periodo compreso… Leggi tutto

Eventi

Link eventi Provincia di Parma

in Eventi
State cercando un'idea per trascorrere una serata o un fine settimana nel parmense?Mostre itineranti, concerti, sagre, fiere, manifestazioni... potrete cercare questo e tanto altro sfruttando un elenco, diviso per comuni, di link a “calendari eventi” presenti… Leggi tutto

youtube-provincial

La B15 - 2012

logo-b15

PROVINCIAL FINDER

Musei della Provincia

SistemaMuseale2

Musei di Parma (città)

banner-musei-parma-city