logo provincial geographic
sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia
scritta sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia

MuseoRoccaSanvitaleMuseo Rocca Sanvitale - Fontanellato

 Luogo: piazza Matteotti, 1 - Fontanellato (PR).

Orario di apertura: da aprile ad ottobre tutti i giorni, feriale 9,30 - 11,30 e
15,00 - 18,00; festivo 9,30 - 12,00 e 14,30 - 18,00. Negli altri mesi, feriale 9,30 -
11,30 e 15,00 - 17,00; festivo 9,30 - 12,00 e 14,30 - 18,00 (chiuso il lunedì).
Indirizzi, contatti e prenotazioni: tel. 0521.829055
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito Internet: www.fontanellato.org
Costo del biglietto: 7,00 euro. Sala del Parmigianino 3,00 euro.
Da non perdere: la Sala del Parmigianino, la Camera Ottica.

La Rocca Sanvitale è un’imponente fortezza eretta nel XIV secolo su un preesistente edificio del XII secolo.

Sottoposta a numerosi restauri, nel corso dei secoli è stata trasformata da fortezza difensiva a residenza dei nobili Conti Sanvitale che l’hanno poi abitata per circa sei secoli.

Ha pianta quadrata con muri merlati e quattro torri angolari ed è tutt’oggi circondata da un ampio fossato alimentato un tempo dall'acqua prodotta da una risorgiva e risistemato all'inizio del XVII secolo dall'architetto parmense Smeraldo Smeraldi; l'entrata sul cortile interno avviene attraverso un ponte levatoio. Nel 1948 l’ultimo Conte cedette la Rocca con i suoi arredi al Comune, che ha provveduto successivamente a trasformarla in museo.

Nell’appartamento nobile posto al primo piano della Rocca sono conservati arredi e decorazioni risalenti ai secoli compresi tra il XVI e il XIX: dal cortile si sale al primo loggiato, dove si accede alla “sala delle armi” che ospita armi dal Sei all'Ottocento e un caratteristico forziere in ferro della fine del XVI secolo.

Attraverso la “sala da pranzo”, con ceramiche del sette e ottocento, si giunge nella “sala del biliardo”, che presenta soffitto e pavimento del tardo '400 e arredo ottocentesco per proseguire nella “sala da ricevimento”, con soffitto a travature dipinte a monocromo e fregio pittorico del tardo '600, splendido clavicembalo seicentesco dipinto e arredi settecenteschi, e la suggestiva “camera nuziale”, con ricco arredo seicentesco e soffitto a lacunari, proveniente dall'antico santuario della Madonna; infine si giunge alla “galleria degli antenati”, ospitante i 74 ritratti di famiglia realizzati per lo più da un anonimo artista seicentesco ed alcuni importanti cimeli appartenuti alla Duchessa Maria Luigia d’Austria, tra cui la celebre mano con fiore al polso eseguita da allievi del Canova nel 1820.

Al piano terra è invece ospitata una pregevole collezione di quadri: dai ritratti dei Sanvitale attribuiti al Molinaretto e a Baldrighi alle tele di Carlo Francesco Nuvolone, Boselli, Ilario Spolverini, Carlo Preda. Dalla pinacoteca si scorre poi nella sala chiamata delle “Donne equilibraste”, decorata con un fregio monocromo popolato di amorini, figure femminili, sfingi e animali adagiati su un filo e alle contigue salette “degli Amorini” e “delle Grottesche”, attribuite a un allievo di Cesare Cesariano. 

Il gioiello più prezioso della Rocca è però la “Saletta di Diana e Atteone” affrescata da Francesco Mazzola,  noto come Parmigianino (Parma 1503 - Casalmaggiore 1540). 
Dipinta nel 1523-1524 per il conte Galeazzo Sanvitale e sua moglie, Paola Gonzaga, è uno dei capolavori giovanili dell’artista. La volta è decorata con putti sullo sfondo di un fitto pergolato con, al centro, un ampio squarcio di cielo ed uno specchio rotondo recante il monito “respice finem”. Nelle 14 lunette sottostanti è raffigurato il mito di Diana e Atteone, tratto dalle “Metamorfosi” di Ovidio. Diverse sono le interpretazioni date alla saletta nel corso degli ultimi decenni, ma l’ipotesi più accreditata è che fosse una sorta di piccolo “boudoir” o “studiolo” privato di Paola Gonzaga, che troviamo ritratta nella figura femminile sopra la finestra.
Il percorso tra le sale al piano terra termina con la “sala del teatrino” dei figli della duchessa Maria Luigia d’Austria e con la “sala delle mappe”, dove sono esposte mappe e cartine riguardanti i possedimenti della famiglia Sanvitale.
Conclude l'itinerario di visita l’ottocentesca "Camera Ottica", all’interno della quale un sistema di specchi riflette l'immagine della piazza antistante su uno schermo. (testo: www.fontanellato.org)

 

torna-indietro

Chiesa di San Domenico

Chiesa di San Domenico

in Arte e Cultura - Borgo Val di Taro
Navata centrale della Chiesa di San DomenicoI lavori di costruzione della chiesa e dell’annesso convento di San Domenico vennero ultimati nel 1498. Il convento venne soppresso nel 1805 in seguito alle leggi napoleoniche. Nel 1674 la chiesa subì profonde… Leggi tutto
rocca san vitale giardino melograno-bn

Sala Baganza Home Page Arte e Cultura

in Arte e Cultura - Sala Baganza
La cittadina è situata in corrispondenza dei ripiani alluvionali alla sinistra dell’omonimo torrente, delimitati verso occidente dalle verdeggianti propaggini collinari che introducono ai vicini boschi di Carrega. Le vicende storiche di Sala Baganza sono… Leggi tutto
illustrazione-castello-bardi

Bardi Home Page Arte e Cultura

in Arte e Cultura - Bardi
Il borgo di Bardi si innalza sulla sommità di una dorsale incentrata su di un possente scoglio diasprigno occupato dalla rocca da cui si ammira un vastissimo panorama sulla valle del Ceno ed il crinale appenninico. Il borgo è caratterizzato da un impianto… Leggi tutto
CollezioneMelloni

Collezione strumenti scientifici "M. Melloni"

in Musei di Parma (città)
Collezione Melloni - Parma (in foto uno strumento conservato a Napoli) Luogo: Dip. di Fisica - Viale delle Scienze - 43100 Parma Orario di visita: dal lunedi al venerdi dalle 8.30 alle 18.30.Entrata gratuita.Per informazioni e prenotazioni: tel 0521/905259… Leggi tutto
Chiesa di San Cristoforo

Chiesa di San Cristoforo

in Arte e Cultura - Borgo Val di Taro
Chiesa di San CristoforoAll’inizio del VII secolo, San Colombano, proveniente dalla natia Irlanda, giungeva in Italia alla corte longobarda. A Bobbio, nel piacentino, fondava un monastero ottenendo vasti possessi in Val Taro e fra questi la “Curtis Turris cum… Leggi tutto

Eventi

Link eventi Provincia di Parma

in Eventi
State cercando un'idea per trascorrere una serata o un fine settimana nel parmense?Mostre itineranti, concerti, sagre, fiere, manifestazioni... potrete cercare questo e tanto altro sfruttando un elenco, diviso per comuni, di link a “calendari eventi” presenti… Leggi tutto

youtube-provincial

La B15 - 2012

logo-b15

PROVINCIAL FINDER

Musei della Provincia

SistemaMuseale2

Musei di Parma (città)

banner-musei-parma-city