logo provincial geographic
sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia
scritta sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia

Il Castello dei Fantasmi

Iconografia di Moroello e SolesteIconografia di Moroello e SolesteL' origine di tutta la storia la dobbiamo collocare in un periodo compreso tra il XV° ed il XVI° secolo, e il luogo è il territorio della Val Ceno interessata da cruenti scontri tra le opposte signorie locali. In questo scenario si muove il Cavaliere Moroello, capitano della guarnigione a difesa dei Landi e del loro Castello. E' tra una battaglia e l'altra che il nostro impavido condottiero conosce e si innamora della bella Soleste figlia di un Nobile di Corte. L' amore tra i due giovani è così intenso e forte che supera ogni difficoltà, ma non quella di un destino avverso che chiama Moroello. Egli infatti, stimato da tutti e anche dal nemico come fiero combattente, viene chiamato dal suo signore a difendere gli incerti confini del feudo dall'incombere delle truppe del bellicoso stato confinante. Bardi era per la sua posizione strategica una preda molto ambita e in molti volevano prenderne il possesso. Ecco, quindi, che Moroello si deve separare da Soleste e, montato a cavallo, si mette alla testa delle sue truppe. Da questo momento, ogni giorno, Soleste sale sulla torre più alta del maniero nell’attesa e nella speranza di veder tornare l’amato vincitore. (Ancora oggi, da lassù, è possibile godere di una vista straordinaria che avvolge l’intera vallata per diversi chilometri.) Passano settimane e forse mesi, ma di Moroello nessuna notizia. Fino al giorno in cui, salita per l’ennesima volta sulla torre, Soleste vede, in lontananza, un indefinito movimento di cavalieri. Forse lancia un grido portandosi una mano davanti alla bocca. Forse piange per l’emozione e per la paura. Si tratta del nemico? O di Moroello, il quale, vincitore torna con i suoi? Fatto gli è che con l'avvicinarsi delle truppe i contorni si fanno più nitidi e Soleste, disperata, vede distintamente le uniformi del nemico. Il castello è in pericolo, la sua vita e quella dei suoi famigliari pure e, soprattutto, il valido Moroello è senz’altro perito in guerra. I fatti precipitano, Soleste disperata non trova altra consolazione che gettarsi dalla Torre che ogni giorno la vedeva speranzosa di poter ricadere tra le braccia del suo amato Moroello. Solo allora i cavalieri, fattisi minacciosamente vicini, si fanno riconoscere. Chi togliendosi l’armatura, chi salutando al modo dei Landi. Moroello e i suoi, usciti vincitori, avevano indossato le casacche del nemico. Per scherno, per gioia e in segno di totale imposizione. E' la balia a dare la triste notizia del suicidio a Moroello ed assistere all'urlo straziante mentre egli, capito il tragico equivoco, reo di aver condannato involontariamente a morte la sua amata, inconsolabile si getta dagli spalti della Piazza d'armi. E, oggi, dopo 600 anni, turisti, abitanti del luogo e studiosi di fenomeni paranormali, giurano che Moroello, incapace di darsi pace, vaghi ancora tra le sale e per i vicoli del castello, accompagnato, alle volte, da una appena percettibile musica. Una triste melodia che racconta di un amore sfortunato e lontano nel tempo.

Filippo Franci
provincialgeographic.it

torna-indietro

Il Castello dell'Elfo

in Arte e Cultura - Lesignano de' Bagni
Il Castello dell'Elfo rinasce nel suo splendore nella primavera del 2003 dopo circa 6 anni di ricerche e accurata ristrutturazione. La struttura medioevale a oggi e' l'unica memoria ancora visibile e visitabile in relazione al Castello Di Rivalta e in… Leggi tutto
Chiesa di San Domenico

Chiesa di San Domenico

in Arte e Cultura - Borgo Val di Taro
Navata centrale della Chiesa di San DomenicoI lavori di costruzione della chiesa e dell’annesso convento di San Domenico vennero ultimati nel 1498. Il convento venne soppresso nel 1805 in seguito alle leggi napoleoniche. Nel 1674 la chiesa subì profonde… Leggi tutto
Cartina via francigena

Un itinerario europeo

in Arte e Cultura - Fornovo
L’unità dell’Europa trova le sue radici nel Medioevo e nell’unità dell’Europa cristiana, di cui ci parla Rodolfo il Glabro nelle sue Cronache:”...in quel tempo infieriva sugli uomini un terribile flagello: un fuoco nascosto che, quando prendeva un arto, lo… Leggi tutto
Planimetria centro storico Borgo Val di Taro

Centro storico del "Borgo"

in Arte e Cultura - Borgo Val di Taro
Planimetria centro storico Borgo Val di Taro Il grande sviluppo edilizio degli ultimi decenni non ha coinvolto la parte più antica del centro abitato che conserva tuttora la sua struttura originaria caratterizzata da un tracciato viario rigorosamente regolare… Leggi tutto
garibaldi1

Il Castagno di Garibaldi

in Arte e Cultura - Sala Baganza
ovvero una possibile storia d'amore e il ricordo del soggiorno di Garibaldi a Maiatico. Il 17 marzo 1861 viene sancita lunità dello stivale e ..."Fatta l'Italia, bisogna fare gli italiani", esclama Massimo D'Azeglio. Intanto Giuseppe Garibaldi, nei giorni… Leggi tutto

Eventi

Link eventi Provincia di Parma

in Eventi
State cercando un'idea per trascorrere una serata o un fine settimana nel parmense?Mostre itineranti, concerti, sagre, fiere, manifestazioni... potrete cercare questo e tanto altro sfruttando un elenco, diviso per comuni, di link a “calendari eventi” presenti… Leggi tutto

youtube-provincial

La B15 - 2012

logo-b15

PROVINCIAL FINDER

Musei della Provincia

SistemaMuseale2

Musei di Parma (città)

banner-musei-parma-city