logo provincial geographic
sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia
scritta sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia

Comune di


BARDI

Altitudine: 625 m s.l.m.
Superficie: 189 km²
Abitanti: 2.355 (31-07-2011)
Densità: 12,46 ab./km²
Cod.Postale: 43032
Prefisso: 0525
Nome Abitanti: bardigiani
Patrono: San Giovanni Battista
Giorno Festivo: 24 Giugno
Sito Istituzionale: www.comune.bardi.pr.it

Etimologia

Deriva dal nome latino Bardo o Bardi che può essere sia un nome di persona che un termine accorciativo di "Longobardi", in questo caso riferendosi al popolo ivi stanziato.
Ma l'etimologia del nome è controversa. «Bardi» infatti secondo la leggenda deriverebbe da «Bardus» o «Barrio», l'ultimo degli elefanti al seguito dell'esercito di Annibale che sarebbe morto qui durante la marcia verso Roma. In suo ricordo, Annibale avrebbe quindi deciso di fondare una colonia. Secondo la storia invece il toponimo «Bardi» deriverebbe dall'appellativo che contradistingueva la nobiltà longobarda - i cosiddetti Arimanni - un gruppo dei quali si stabilì qui attorno al 600 d.C.

Araldica

bardi-stemmaD’azzurro, all’albero con cane rivoltato e coricato al suo pedale dal pelame bruno; l’insieme sostenuto da un terreno arido, il tutto al naturale; il tronco dell’albero accollato da un breve svolazzante in fascia di rosso con la scritta FIDELITAS a caratteri maiuscoli d’oro. (18)

Bardi castello e borgo

Illustrazione planimetria urbana centro storico di BardiIllustrazione planimetria urbana centro storico di Bardi

Il nucleo più antico, altomedievale, si sviluppava a semicerchio ai piedi del castello, all’interno di un bastione. Lo sviluppo successivo rettilineo lungo l’attuale via Pietro Cella é di periodo rinascimentale. Immagini del 1604-1617 mostrano un aspetto molto simile all’attuale, con una porta di accesso sommitale ora perduta.
All’interno del vecchio nucleo, in piazza del Grano ecco subito un interessante porticato sorretto da due colonne con capitelli fogliati. Osserviamo anche piccole abitazioni con tetto in lastre e portali ad arco con architravi finemente scolpiti. Sempre nel vecchio borgo un edificio significativo: la chiesa di S. Francesco, ora in restauro, futura sede delle attività del Centro Studi della Valle del Ceno (1).


Percorriamo via Cella. Si incontra, quasi alla fine, un edificio contraddistinto da un porticato con colonne a capitello, sede del Comune fino al 1870, tuttora denominato Teatro Vecchio (2).

Infatti, nel 1832 Maria Luigia in visita a Bardi offrì un contributo per costruire nel palazzo un teatro, di cui resta solo una balconata. Attraversiamo ora la piazza principale: nella chiesa di S. Maria Addolorata, edificata negli anni Trenta, é conservata una Pala del Parmigianino, raffigurante lo Sposalizio mistico di S.Caterina (3).

Dedicata a S. Giovanni Battista é l’antica chiesa parrocchiale di Bardi (4), succeduta a quella dei SS. Protaso e Gervaso, documentata dall’833, che si trovava fuori dal borgo, presso l’attuale cimitero.
Sempre fuori dalla borgata, ma dentro la giurisdizione della Parrocchia, è la chiesa romanica di S. Siro, ricordata in un documento del 1010.

L’edificio, però, che caratterizza ancora oggi Bardi è il castello (5), composto da diversi corpi di fabbrica, chiusi da una cinta muraria che delimita la parte più alta del grande masso di roccia rossa, il diaspro, su cui sorge. Si entra attraverso una lunga rampa che sale fiancheggiata verso valle da un muro munito di feritoie, poi, attraverso una bassa volta, si raggiunge una piazzola che domina la vallata. Con un’altra rampa si raggiunge il grande arco di ingresso con le fessure per le catene del ponte levatoio. Un ampio androne voltato dà inizio alla parte alta del castello, che, attraverso una nuova rampa, costeggiata da fabbricati di servizio, immette nella grande piazza d’armi. Ad un livello ancora più alto, diviso dalla piazza da un forte muro con portale rinascimentale, si trova un nuovo cortile con portico su cui si affacciano la parte residenziale principesca e l’imponente mastio che domina sulla vallata. All’interno saloni di rappresentanza si succedono in una lunga infilata, alcuni con soffitti in legno a cassettone decorati da mensole a cariatidi e telamoni, altri con volte dipinte con vedute dei possedimenti della famiglia Landi, che per quattro secoli vi ebbe la sua signoria. Nella sala più grande vi sono tracce di affrescature a grottesche cinquecentesche simili a quelle di Torrechiara. Lunghi camminamenti coperti svolgono ancora oggi un suggestivo percorso di ronda da cui è possibile osservare l’abitato sottostante e il territorio. Sotto il castello, in grandi cavità interrate ricavate nel sottosuolo roccioso, erano collocati locali di servizio, magazzini e stalle, in grado di rendere autosufficiente il castello per lunghi periodi di assedio.

Il castello viene ricordato per la prima volta nell’898, quando il vescovo Everardo di Piacenza acquista da un abitante del luogo la metà dell’imponente masso di diaspro rosso e del terreno vicino, su cui costruire un rifugio, durante le incursioni, per i religiosi e i villani che abitavano i numerosi possessi della sua chiesa nelle Valli del Ceno e del Noveglia: da allora esso costituirà la caratteristica più marcata del villaggio, di probabile fondazione longobarda. La sua storia si identifica in gran parte con la famiglia Landi, a iniziare da quando Ubertino acquista i diritti sul castello, distrutto e ricostruito con ulteriori fortificazioni nel 1255.

Con la crescita del potere e dell’autonomia di questa famiglia, da vecchio presidio militare fortificato si trasformò in un efficiente castello-residenza a presidio del borgo di Bardi, adatto all’esercizio del potere su un ampio territorio dell’Appennino.
Alla fine del Cinquecento Federico II Landi dota il castello di una quadreria, di una esposizione di armi e di un archivio ordinato di documenti. Tre anni dopo la morte di Polissena, ultima discendente della famiglia, lo stato sarà acquistato da Ranuccio II Farnese e Bardi diventa entità periferica del Ducato di Parma. Passò, infine, ai Borbone. Dopo essere stato carcere militare, sede degli uffici comunali fino agli anni Sessanta, dopo lavori di restauro, è stato riaperto al pubblico.


Logo Comunità Montana delle Valli del Taro e del CenoDocumento pubblicato
grazie alla concessione
e alla collaborazione della
Comunità Montana
delle Valli del Taro e del Ceno
Illustrazione di Paolo Sacchi
www.sakai.dk

L'ambiente naturale del territorio di Bardi

Limodorum Abortiunm
Limodorum Abortiunm“Se la valle del Taro a monte di Fornovo è poco conosciuta, ancor meno…
Leggi tutto

Il Castello dei Fantasmi

Iconografia di Moroello e Soleste
Iconografia di Moroello e SolesteL' origine di tutta la storia la dobbiamo collocare in…
Leggi tutto

Breve viaggio nella storia

Preistoria a Berlini
Preistoria a BerliniI reperti trovati in varie località del Comune attestano che questo…
Leggi tutto

Oro-idrografia del territorio di Bardi

Pizzo d'Oca
Pizzo d'OcaIl Comune di Bardi, con i suoi 18947 Kmq, occupa la parte medio-alta della…
Leggi tutto

Vita monastica e impegno sociale

Complesso monastico di Caberra
Complesso monastico di CaberraMargherita Antoniazzi nasce a Cantiga di Costageminiana,…
Leggi tutto

Bardi castello e borgo

Illustrazione planimetria urbana centro storico di Bardi
Illustrazione planimetria urbana centro storico di Bardi Il nucleo più antico,…
Leggi tutto

La Via dei Monasteri

La Pieve di Gravago
Premessa In un periodo di rapidi spostamenti, mentre è diventato di moda andare molto…
Leggi tutto

Il cavallo bardigiano

Il cavallo bardigiano
Bardi costituisce l'area di origine della razza del cavallo bardigiano, il quale, oltre…
Leggi tutto