logo provincial geographic
sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia
scritta sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia

Comune di


BARDI

Altitudine: 625 m s.l.m.
Superficie: 189 km²
Abitanti: 2.355 (31-07-2011)
Densità: 12,46 ab./km²
Cod.Postale: 43032
Prefisso: 0525
Nome Abitanti: bardigiani
Patrono: San Giovanni Battista
Giorno Festivo: 24 Giugno
Sito Istituzionale: www.comune.bardi.pr.it

Etimologia

Deriva dal nome latino Bardo o Bardi che può essere sia un nome di persona che un termine accorciativo di "Longobardi", in questo caso riferendosi al popolo ivi stanziato.
Ma l'etimologia del nome è controversa. «Bardi» infatti secondo la leggenda deriverebbe da «Bardus» o «Barrio», l'ultimo degli elefanti al seguito dell'esercito di Annibale che sarebbe morto qui durante la marcia verso Roma. In suo ricordo, Annibale avrebbe quindi deciso di fondare una colonia. Secondo la storia invece il toponimo «Bardi» deriverebbe dall'appellativo che contradistingueva la nobiltà longobarda - i cosiddetti Arimanni - un gruppo dei quali si stabilì qui attorno al 600 d.C.

Araldica

bardi-stemmaD’azzurro, all’albero con cane rivoltato e coricato al suo pedale dal pelame bruno; l’insieme sostenuto da un terreno arido, il tutto al naturale; il tronco dell’albero accollato da un breve svolazzante in fascia di rosso con la scritta FIDELITAS a caratteri maiuscoli d’oro. (18)

Il Castello dei Fantasmi

Iconografia di Moroello e SolesteIconografia di Moroello e SolesteL' origine di tutta la storia la dobbiamo collocare in un periodo compreso tra il XV° ed il XVI° secolo, e il luogo è il territorio della Val Ceno interessata da cruenti scontri tra le opposte signorie locali. In questo scenario si muove il Cavaliere Moroello, capitano della guarnigione a difesa dei Landi e del loro Castello. E' tra una battaglia e l'altra che il nostro impavido condottiero conosce e si innamora della bella Soleste figlia di un Nobile di Corte. L' amore tra i due giovani è così intenso e forte che supera ogni difficoltà, ma non quella di un destino avverso che chiama Moroello. Egli infatti, stimato da tutti e anche dal nemico come fiero combattente, viene chiamato dal suo signore a difendere gli incerti confini del feudo dall'incombere delle truppe del bellicoso stato confinante. Bardi era per la sua posizione strategica una preda molto ambita e in molti volevano prenderne il possesso. Ecco, quindi, che Moroello si deve separare da Soleste e, montato a cavallo, si mette alla testa delle sue truppe. Da questo momento, ogni giorno, Soleste sale sulla torre più alta del maniero nell’attesa e nella speranza di veder tornare l’amato vincitore. (Ancora oggi, da lassù, è possibile godere di una vista straordinaria che avvolge l’intera vallata per diversi chilometri.) Passano settimane e forse mesi, ma di Moroello nessuna notizia. Fino al giorno in cui, salita per l’ennesima volta sulla torre, Soleste vede, in lontananza, un indefinito movimento di cavalieri. Forse lancia un grido portandosi una mano davanti alla bocca. Forse piange per l’emozione e per la paura. Si tratta del nemico? O di Moroello, il quale, vincitore torna con i suoi? Fatto gli è che con l'avvicinarsi delle truppe i contorni si fanno più nitidi e Soleste, disperata, vede distintamente le uniformi del nemico. Il castello è in pericolo, la sua vita e quella dei suoi famigliari pure e, soprattutto, il valido Moroello è senz’altro perito in guerra. I fatti precipitano, Soleste disperata non trova altra consolazione che gettarsi dalla Torre che ogni giorno la vedeva speranzosa di poter ricadere tra le braccia del suo amato Moroello. Solo allora i cavalieri, fattisi minacciosamente vicini, si fanno riconoscere. Chi togliendosi l’armatura, chi salutando al modo dei Landi. Moroello e i suoi, usciti vincitori, avevano indossato le casacche del nemico. Per scherno, per gioia e in segno di totale imposizione. E' la balia a dare la triste notizia del suicidio a Moroello ed assistere all'urlo straziante mentre egli, capito il tragico equivoco, reo di aver condannato involontariamente a morte la sua amata, inconsolabile si getta dagli spalti della Piazza d'armi. E, oggi, dopo 600 anni, turisti, abitanti del luogo e studiosi di fenomeni paranormali, giurano che Moroello, incapace di darsi pace, vaghi ancora tra le sale e per i vicoli del castello, accompagnato, alle volte, da una appena percettibile musica. Una triste melodia che racconta di un amore sfortunato e lontano nel tempo.

Filippo Franci
provincialgeographic.it

torna-indietro

La Via dei Monasteri

La Pieve di Gravago
Premessa In un periodo di rapidi spostamenti, mentre è diventato di moda andare molto…
Leggi tutto

Breve viaggio nella storia

Preistoria a Berlini
Preistoria a BerliniI reperti trovati in varie località del Comune attestano che questo…
Leggi tutto

L'ambiente naturale del territorio di Bardi

Limodorum Abortiunm
Limodorum Abortiunm“Se la valle del Taro a monte di Fornovo è poco conosciuta, ancor meno…
Leggi tutto

Il Castello dei Fantasmi

Iconografia di Moroello e Soleste
Iconografia di Moroello e SolesteL' origine di tutta la storia la dobbiamo collocare in…
Leggi tutto

Geologia del territorio di Bardi

Cheilanthes Marantae
Cheilanthes MarantaeIl bacino del fiume Ceno presenta una notevole varietà di formazioni…
Leggi tutto

Vita monastica e impegno sociale

Complesso monastico di Caberra
Complesso monastico di CaberraMargherita Antoniazzi nasce a Cantiga di Costageminiana,…
Leggi tutto

Il cavallo bardigiano

Il cavallo bardigiano
Bardi costituisce l'area di origine della razza del cavallo bardigiano, il quale, oltre…
Leggi tutto

Bardi castello e borgo

Illustrazione planimetria urbana centro storico di Bardi
Illustrazione planimetria urbana centro storico di Bardi Il nucleo più antico,…
Leggi tutto

PROVINCIAL FINDER

LogoOltreLoSpecchio

Itinerari Bardi

mappa-provincia-bn

Itinerari Calestano

mappa-provincia-bn

Meteo

Itinerari Fornovo Taro

mappa-provincia-bn

Itinerari Montechiarugolo

mappa-provincia-bn