logo provincial geographic
sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia
scritta sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia

CSAC
CSAC - Parma

Luogo: Abbazia di Valserena

viazza di paradigna, 1
43122 Parma (PR)
tel +39 0521033652
fax +39 0521347007

Orario uffici: lunedì e venerdì dalle 8.00 alle 14.00, da martedì a giovedì dalle 8.00 alle 18.00; chiuso sabato e domenica.
Orario per la consultazione (su prenotazione): martedì e giovedì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00.

Sito Internet: biblioteche2.comune.parma.it

Il Centro Studi e Archivio della Comunicazione (Csac) è una struttura progettata dall'Università di Parma come servizio pubblico rivolto ai problemi della comunicazione, luogo dove si individuano, raccolgono, conservano, analizzano tutti i materiali che sono strumenti del comunicare.

E' diviso in cinque dipartimenti: arte, media, progetto, fotografia, spettacolo e in ognuno di essi sono conservati numerosi documenti della cultura contemporanea. 

Nel Dipartimento d'arte sono esposte alcune centinaia di dipinti e sculture: da Sironi a Fontana, a Birolli, a Vedova, a Morlotti, a Mattioli, a Veronesi, a Consagra, a Schifano, a Paolini, a Max Bill.

Il compito istituzionale della struttura è la raccolta, tutela, conservazione, catalogazione e consultazione dei materiali afferenti a cinque diverse sezioni: Arte, Media, Progetto, Fotografia e Spettacolo. Particolarmente connotate per la loro ricchezza, le collezioni di architettura, design e grafica risalenti ai decenni compresi tra il ’30 e gli anni ’70 del Novecento. L’attuale sede dello CSAC è il Padiglione Nervi costruito nel 1953 su brevetto dell'Ing. Pier Luigi Nervi, e riattato nel 1986-90 per soddisfare le esigenze della destinazione museale, su progetto dello Ufficio Tecnico della Università di Parma.In un prossimo futuro si prevede l'utilizzo della Certosa di Valserena, costruita nel sec. XIV°, rimaneggiata nel sec. XVIII° e restaurata a partire dal 1985 a cura della Soprintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici.

CSAC esternoCSAC cortile esterno

Sezione Arte: raccoglie a tutt'oggi 1200 dipinti, 200 sculture, 15.000 disegni di oltre 100 artisti, come Accardi, Afro, Alviani, Angeli, Baj, Bendini, Bill, Birolli, Boero, Burri, Canogar, Cassinari, Cavaliere, Ceroli, Consagra, De Rocchi, Del Pezzo, Della Torre, Fabro, Ferrari, Festa, Fioroni, Fontana, Forgioli, Gallizio, Garau, Garcia Rossi, Gastini, Gentilini, Giunni, Griffa, Guenzi, Guttuso, Lavagnino, Mandelli, Mattioli, Melotti, Morellet, Moreni, Morlotti, Nigro, Novelli, Ossola, Padova, Paolini, Pardi, Pizzinato, Arnaldo Pomodoro, Pozzati, Raciti, Radice, Reggiani, Rotella, Santomaso, Savinio, Scanavino, Schifano, Scialoja, Soldati, Spagnulo, Sughi, Tadini, Tilson, Uncini, Vedova, Veronesi, Vostell, Xiao e molti altri.

Sezione Media: vi si conservano 7.000 bozzetti di manifesti e 2.000 manifesti cinematografici di autori come Ballester, Acerbo, Cesselon, Ciriello, Manno, oltre agli importantissimi archivi (circa 100.000 pezzi) di Carboni, Iliprandi, Provinciali, Sepo, Testa, Tovaglia, Vitale, 11.000 disegni di satira e fumetto e 3.000 disegni per illustrazione di autori come Pericoli e Chiappori, quelli del gruppo de "Il Male" (Angese, Giuliano, Perini, Vincino), quelli del gruppo di "La Repubblica" (Bevilacqua, Bucchi, Alain Denis, Eletti, Jezek, Micheli), e poi ancora Galantara, Bisi, oltre agli archivi di Luciana Roselli e Brunetta Mateldi.

Sezione Progetto: è costituita da 1.500.000 disegni di architettura e design, 800 maquettes, 2.000 oggetti di architetti come Alpago Novello, De Finetti, Gardella, Menghi, Nervi, Ponti, Pulitzer, Rava, Samonà, Vietti e di designer come Archizoom, Bellini, Castiglioni, Mari, Mendini, Munari, Nizzoli, Rosselli, Sambonet, Afra e Tobia Scarpa, Sottsass Jr.. Questa sezione comprende anche l'Archivio della Moda con 70.000 disegni e numerosi abiti di Albertina, Albini, Antonelli, Armani, Ferrè, Krizia, Lancetti, Monsieur Gilles, Moschino, Schuberth, Soprani, Sorelle Fontana, Versace.

Sezione Fotografia: si conservano 2.500.000 di negativi su lastre, 2.200.000 negativi su pellicola, 1.700.000 stampe, 150 apparecchi fotografici antichi. Di notevole interesse sono, fra l'altro, 140 negativi scattati da Man Ray negli anni Trenta e 2.000 pezzi della F.S.A (Farm Security Administration: associazione di fotografi americani che tra gli anni ’30 e gli anni ’40 hanno fotografato il territorio e la realtà americana, inaugurando uno stile che ha segnato ampiamente anche la produzione cinematografica contemporanea). Oltre a questo, l'archivio completo dello Studio Stefani di Milano, dello Studio Villani di Bologna, dello Studio Vasari di Roma, dello Studio Tosi di Parma, dello Studio Orlandini e Davolio Marani di Modena, dello Studio Cattani di Faenza, della Publifoto di Roma (fino al 1970) senza contare gli archivi di fotografi italiani da Migliori a Ghirri.

Sezione Spettacolo: contiene 100 film originali, 4.000 video-tape e numerosi apparecchi antichi.

Tutto il materiale è accessibile in originale per studiosi, docenti, ricercatori e dottorandi, fatta eccezione per alcuni progetti tutelati all’origine dagli autori o per materiale in non perfetto stato di conservazione. E’ possibile la consultazione in originale anche per studenti muniti di lettera di presentazione del docente e autorizzati dal direttore dello CSAC.

Di gran parte del materiale, in particolare per quello che è stato oggetto di esposizioni o di studio, esistono riproduzioni fotografiche.

 

 

torna-indietro

 

 

Ramarro

Fauna nel territorio di Calestano (Val Baganza)

in Arte e Cultura - Calestano
MAMMIFERII mammiferi selvatici del territorio, tipici delle zone appenniniche, hanno quasi tutti abitudini furtive e notturne ed evitano accuratamente gli umani, tanto più che qui nel comune di Calestano si trovano diverse riserve di caccia. Non è facile… Leggi tutto
La Pieve di Gravago

La Via dei Monasteri

in Arte e Cultura - Bardi
Premessa In un periodo di rapidi spostamenti, mentre è diventato di moda andare molto lontano e visitare luoghi esotici, può sembrare strano presentare degli antichi itinerari, in particolare una Via dei Monasteri, quando di quei monasteri nelle nostre valli… Leggi tutto
nocino

Origini del "nocino" fra storia e leggende

in Arte e Cultura - Noceto
Il nocino è un infuso di noci acerbe, raccolte, secondo la miglior tradizione, nei giorni vicini alla festa di San Giovanni, il 23 giugno, messe in infusione in alcol con aggiunta di zucchero e, in piccole quantità, di aromi quali cannella, chiodi di… Leggi tutto
MuseoParcoTaro

Museo del Parco del Taro

in Sistema Museale Parmense
Museo del Parco del Taro - Collecchio Luogo: Corte di Giarola, Pontescodogna - Collecchio (PR).Orario di apertura: domenica 15,00 - 18,00 (in periodo estivo 15,30 – 18,30). Chiuso luglio e agosto.Indirizzi, contatti e prenotazioni: tel. 0521.802688e-mail:… Leggi tutto
MuseoGuatelli

Museo Ettore Guatelli

in Sistema Museale Parmense
Museo del quotidiano - Ozzano Taro Luogo: via Nazionale, 130 - Ozzano Taro di Collecchio (PR).Orario di apertura: domenica dalle 10,00 - 12,00 e 15,00 - 18,00.Domeniche di luglio e agosto: 16,00 - 19,00. Altri giorni su prenotazione.Indirizzi, contatti e… Leggi tutto

Eventi

Link eventi Provincia di Parma

in Eventi
State cercando un'idea per trascorrere una serata o un fine settimana nel parmense?Mostre itineranti, concerti, sagre, fiere, manifestazioni... potrete cercare questo e tanto altro sfruttando un elenco, diviso per comuni, di link a “calendari eventi” presenti… Leggi tutto

youtube-provincial

La B15 - 2012

logo-b15

PROVINCIAL FINDER

Musei della Provincia

SistemaMuseale2

Musei di Parma (città)

banner-musei-parma-city