logo provincial geographic
sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia
scritta sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia

Abbots Way

1A PARTE: da Pontremoli (MS) a Bardi (PR)

Download Video: MP4, HTML5 Video Player by VideoJS

altimetria abbots way 1

Scarica la traccia GPX 1A parte

2A PARTE: da Bardi (PR) a Bobbio (PR)

Download Video: MP4, HTML5 Video Player by VideoJS

altimetria abbots way 2

Scarica la traccia GPX 2A parte

6° THE ABBOTS WAY - VIA DEGLI ABATI 2013

Pontremoli – Bardi - Bobbio

1/4° Tappa da PONTREMOLI A BORGOTARO km 32

NOTA: I CONCORRENTI VERRANNO PRECEDUTI DALL‟AUTO DEI VIGILI URBANI FINO AD IMBOCCARE VIA WALTER TESSIERI.
L‟itinerario parte da Pontremoli in Toscana, provincia di Massa Carrara, capitale della Lunigiana. Il nocciolo antico, rustico e scabro, è nel cuneo che il torrente Verde forma con la Magra confluendovi. Il castello del Piagnaro, che domina il borgo dalla cima del colle, prende il nome dalle “piagne”, le lastre di ardesia. Attorno, i folti castagneti delle colline della Lunigiana, mentre comincia la salita per il valico appenninico della Cisa.
Dopo aver visitato l‟interessante centro storico di Pontremoli, s‟inizia il percorso portandosi in direzione di Casa Corvi in questo modo: uscendo da Piazza della Repubblica in salita guardando il castello, si imbocca Via Garibaldi e a sx un tipico vicolo molto stretto (Via della Cresa) si attraversa l‟antico ponte in pietra percorso il quale, si svolta subito a dx e s‟imbocca lo stradone che porta ad una porta di pietra. Con un viale alberato.
Si lascia il viale e si prende subito a sx in salita su di un sentiero che si intravede e che tra alcune case porta all‟asfalto. Si arriva alla strada principale dopo alcune decine di metri. Di qui a dx su stradone principale si percorre per qualche centinaio di metri passando un sottopassaggio stradale e successivamente si svolta a dx in VIA WALTER TESSIERI. Superata una scalinata in cemento in discesa che porta ad un piccolo vigneto si prende a sinistra costeggiando più avanti un campo da golf tra viti e castagni, imboccando uno stradello ghiaiato che porta all‟abitato di Casa Corvi. Si passa sotto ad un antico Voltone detto IL MADONE forse usato come piccolo mercato medioevale, passando il quale piegando a dx si raggiunge e attraversa un ponte metallico, ci si ricollega alla strada principale e dopo alcune curve in salita, si incontra una cappelletta con Madonna. Si continua a tenere la strada principale asfaltata, si prende una stradina a sx in salita che passando di fianco ad un cimitero e sotto alla ferrovia, porta in salita all‟abitato di Vignola. Non appena arrivati al paese sempre salendo, si incontra un voltone sulla sinistra, in corrispondenza del quale, si prende a dx in salita (è la via Francigena non segnalata) si prosegue sempre in salita su di uno stradello ciottolato medievale attraversando Vignola (Km 4) e si continua a salire per circa 1 km fino ad arrivare alla strada asfaltata. Si prende ancora a sinistra in salita e si arriva a Morana. In mezzo alle case di Morana dopo la chiesa si lascia l‟asfalto per prendere uno stradello sterrato che piega a destra (dove c'è un orto recintato verde con scritto proprietà privata) e al successivo bivio sulla sterrata, si prende la stradina che prosegue nel bosco a dx sempre in salita. Senza difficoltà si raggiunge e si attraversa dopo poco tempo un ruscello con passaggio non impegnativo sempre nel bosco, siamo al Rio Lanzone. Attraversatolo, si prende il sentiero che sale prima a dx e poi a sx in salita in rapida successione arrivando dopo un kilometro circa all‟asfalto, si gira quindi a sinistra e dopo un tornante si entra in paese sempre in salita, alla località Prà del Prete (KM 8) (PUNTOACQUA IN USCITA DALLE CASE A SX con tubo e rubinetto). Continuando per l‟asfalto si salgono diversi tornanti fino ad arrivare in cima ad uno spiazzo dove c‟è una villa bianca. Da qui, guardando la villa si tiene la strada a dx in discesa (si noti la staccionata in legno a sx che costeggia la strada) seguendo il sentiero bianco-rosso TL3. Dopo 1km in discesa si supera un ponticello in pietra sul Torrente Darnia, senza parapetto, si scorgono giù nel torrente sottostante, i ruderi di 3 antichi mulini, sempre sullo stradello, sulla sinistra, s‟incontra una piccola edicola con una Madonnina ed il Bambino. Si arriva ad una strada asfaltata, dove a destra vediamo un vecchio cimitero , si scende arrivando al posto tappa di Cervara (KM 12) con Ristoro. Da Cervara si prende la strada forestale che prosegue dal centro del paese su fino al Lago Verde. Sono 4,5 Km in salita su sterrato. Dal lago si prosegue per circa 2 Km sino ad un bivio dove c‟è un cartello indicatore con scritto Fontana Gilenta - Farfarà. Si scende fino al Torrente Verde (KM 18) che si attraversa. Ci sono dei cartelli turistici che indicano le CASCATE, per chi le vuole vedere, sono molto belle, occorre una piccola digressione sul sentiero indicato a sinistra (200 metri in salita). Si ritorna poi lungo il sentiero largo e acciottolato lasciato in precedenza per vedere le cascate (sale a dx rispetto alle cascate), per poi proseguire sulla stradina che supera dei gruppi separati di case rustiche in pietra, il primo gruppo è in parte ristrutturato il secondo sono ruderi ricoperti di muschio. Siamo a Farfarà e si arriva ad un bivio dopo alcune centinaia di metri. Si sale prima a sinistra per 200 metri ca. poi a dx si imbocca la strada in discesa CAI 843 con uno spiazzo che porta al traliccio dell‟alta tensione (siglato 31x). Per chi vuole salire alla Fontana Gilenta (Sorgente d’acqua potabile PUNTOACQUA) occorre una deviazione, la FONTANA SI TROVA A SX IN SALITA a 200 METRI. Riprendendo dallo spiazzo lasciato in precedenza e seguendo la cresta in direzione nord. (davanti si noti il più alto Monte Molinatico con le antenne) si percorrono circa 200 metri e, dopo il traliccio dell'alta tensione, si incontra un monumento ai caduti partigiani, si prosegue sempre lungo il crinale per circa un chilometro (SEGNALE BIANCOROSSO CAI , attenzione ad alcuni passaggi impegnativi per la presenza di GROSSI SASSI e qualche tratto in pendenza su fondo erboso). Si arriva al Passo del Borgallo 1050m. (SOCCORSO ALPINO E RISTORO SOLIDO) segnalato dalla presenza di CARTELLI INDICATORI CAI. Di qui si prende a sx in discesa e subito dopo 20 metri si imbocca il sentiero CAI 843 che a dx si infila nel bosco (QUESTA NUMERAZIONE CAI 843 vi accompagnerà di qui fino a Borgo Val di Taro e vi porterà fino ad Osacca vicino a Bardi per più di 25 km). Si prosegue nel bosco attraversando anche una fitta pineta e passando a monte di una frana nel bosco, arrivando in meno di 4 km dal Borgallo, al cimitero della chiesa di Valdena (KM 24). Dal cimitero si incontra l‟asfalto e si prende a sx per la chiesa. QUI E‟ PRESENTE UNA JEEP DELL‟ORGANIZZAZIONE IN ATTESA DELL‟ULTIMO CONCORRENTE. Occorre imboccare la stradina che prende a dx prima della chiesa e porta tra le case abitate. Passando la chiesa dopo 50 metri fra le case seguendo il segnale della VIA FRANCIGENA al contrario si arriva in poco tempo alla provinciale. Si prende a sx in discesa e dopo 1km circa si transita sul ponte del Tarodine e SI DEVIA SUBITO DOPO IL PONTE A SX. Dopo 30 metri si sale a dx per San Vincenzo (tenendo il sentiero CAI843) Arrivati a S.Vincenzo girate a dx su asfalto. Tenere la strada principale in discesa. Superata la chiesa si tiene il sentiero 843 a dx poi subito a sx in discesa. Si attraversa l‟asfalto e si prende la stradina che porta ad un piccolo gruppo di case. Si prosegue in discesa per (Vallareto) sempre incontrando i segnali della VIA FRANCIGENA al contrario. Da lì attraverso un bosco (notare e fare attenzione all‟inizio del bosco sulla destra alcune arnie con api) si arriva ad un gruppo di case e da qui su un nuovo tratto di asfalto nuovo, al cimitero di Borgotaro. Avvicinandosi al paese si attraversa il ponte sul Taro e sempre dritto salendo la scalinata che porta in centro si arriva dove c‟è il PUNTORISTORO nella via della sede municipale (KM 32 circa).

2/4° Tappa da BORGOTARO A BARDI (km 33)

Da BORGOTARO partendo dal punto ristoro verso nord ci s‟incammina verso il fiume Taro lungo la Via Torresana, che scende lungo il fiume, passando davanti alla Pubblica Assistenza, al bivio in discesa si comincia a seguire a dx, percorrendo la passeggiata lungo il Taro, ed il sentiero CAI 843 sulla sx in salita in corrispondenza di un bel muro in sasso antico ed una nicchia votiva dedicata alla Madonna. Si sale arrivando in poco tempo direttamente sulla provinciale incontrando anche segnali della VIA FRANCIGENA al contrario. Arrivati sulla provinciale si prende a dx in salita e si imbocca dopo 300 metri la seconda stradina in cemento a sx in ripidissima salita (cartello giallo con scritta Strada Vicinale in rosso) si imbocca, dopo 100 metri e due piccoli tornanti vicinissimi, uno stradello con un muretto che si immette nel bosco seguendo in salita le frecce al contrario della Via Francigena e i segnali CAI. Si prosegue arrivando dopo un chilometro ad una casa con un finto cannone in giardino, infilando in salita la stradina sterrata e sassosa che porta all‟asfalto in circa 500 metri. Arrivati all‟asfalto, occorre prendere a sx in discesa proseguendo nel bosco per un km circa fina ad arrivare di nuovo su asfalto e all‟abitato di S.Pietro (SIAMO SEMPRE SUL sentiero CAI 843) dove si arriva alla chiesa. (PUNTOACQUA presso la chiesa e successivamente dopo le case su asfalto altra fontana FARE RIFORNIMENTO COMPLETO per mancanza di acqua per circa 10 km di salita su strade boschive e sentieri fino al PRADETTO dove ci sarà il punto ristoro con Soccorso Alpino) passando per LA ROLA (balcone panoramico sulla Val di Taro, e poi per Pradonico (radura con casetta) e La Maestà (chiesetta aperta dedicata alla Madonna) SIAMO SEMPRE SUL sentiero CAI 843 dove poi si scenderà prendendo poi a dx per Il Pradetto. RISTORO SOLIDO E SOCCORSO ALPINO. Tenendo la discesa e seguendo anche i segnali giallo-blu dei cavalieri oltre a quelli CAI si scende verso Osacca. Si scende per 2500 metri circa, dove nel bosco s‟incontrano alcuni alberi giganteschi. Si scende così fino ad arrivare alla strada ASFALTATA che in discesa porta dopo 800 metri ad Osacca (KM 48 circa) (PUNTOACQUA). Dal centro dell‟abitato (quota 720m circa) si PIEGA in salita a Dx in mezzo alle case e tenendo la sx una volta nel bosco seguendo i segnali bianchi AW unitamente ai gialloblu dei cavalieri, per circa 2 km abbiamo salita, poi per altri 2 km abbiamo piano e discesa, si arriva a toccare quota 920m, Si arriva IN DISCESA ALL‟ASFALTO e si prende a dx verso il Molino (KM 52) riconoscibile perché in ristrutturazione. Da qui si supera il ponte, e si tiene l‟asfalto per 1500 metri circa. Siamo a Brugnola. Si tiene l‟asfalto che porta a Barigazzi. Si scende su asfalto fino ad incontrare un tabernacolo sulla sx. Siamo a Barigazzi. Al tabernacolo si prende un brusco ingresso su sentiero a destra in discesa e poi subito giù a sinistra. Il sentiero è segnato anche in bianco-rosso CAI e si segue fino ad arrivare ad una chiesa che è la Pieve di Gravago. Subito a destra in discesa si riprende lo stradello segnato anche bianco-rosso Cai che passa davanti ad un bellissimo lavatoio ristrutturato ma di origini medievali che si nota arrivando dall‟alto. Si segue la stradina in discesa a dx sempre segnata CAI che porta ad un ex-mulino ora diventato abitazione in sasso Si attraversa il torrente e tenendo a dx si affronta un‟impegnativa salita (Il Muro di Bré) che per 400 metri porta, con un dislivello di circa 100 metri all‟abitato di Brè, dove si attraversa la strada asfaltata e si entra fra le case, (PUNTOACQUA a sx) si passa di fianco a una bella casa a torre sulla sinistra, mentre sulla destra si intravede molto in alto e in lontananza Caminata (casa Fortificata). Si riprende l‟asfalto a dx e dopo una curva che piega a sx si imbocca uno stradello a dx in ghiaia , carrareccia per Noceto di Gravago (att. non è indicato) seguire il segno su asfalto. Si passa in mezzo alle case e si prosegue a sinistra sulla vecchia strada comunale (molto erbata). Si segue sul campo con un pò di salita , circa 100 metri e poi si scende a sx sulla collinetta argillosa e brulla, prendere a sx in discesa lasciando sulla destra in alto tre croci in ferro si arriva a Monastero. (RISTORO SOLIDO ATLETICA MANARA E JEEP ORGANIZZAZIONE). Da lì a dx si prende il sentiero/stradello (che costeggia un roccione nero) che passa in mezzo alle case (si notino l‟abbeveratoio ed il lavatoio) e, usciti dall‟abitato si supera un guado con curva a sx nel bosco con un vecchio pozzo sulla destra. Si prosegue sulla carrareccia centrale lasciando a sinistra l‟agriturismo Castagneto (non si vede ma è poco sotto in corrispondenza di alcune carcasse di auto Fiat 500…) tenendo il sentiero in salita. Poi per oltre 300 metri si sale fino a trovare dei muretti in sasso, si prosegue seguendo diritti sulla bella stradina boschiva fino ad incontrare il rio della Fontana della Lite. Lo si supera attraversando un ponticello formato da una traversina in legno con corrimano e si prosegue diritto per un sentiero fino ad incontrare un trivio. Si segue il percorso centrale fino ad arrivare in pochi metri la strada principale. Proseguendo prendendo a dx si arriva a Chiappa con una leggera salita dove siamo sul sentiero CAI 803. Da li si prosegue prendendo la sinistra su di uno stradello in discesa sterrato e sassoso fino ad arrivare a Cavozza di Sopra (le prime case che s‟incontrano) poi a Cavozza di sotto (le altre case). Si raggiunge infine la strada asfaltata, prendendo la sx, si attraversa il fiume Noveglia, prima su di un piccolo ponte poi il ponte più grande sul fiume Ceno trovando dopo alcune decine di metri a sx in salita con una evidente tabellazione bianco-rossa un sentiero CAI che porta al paese di Bardi (KM 65).

3/4° Tappa da BARDI a GROPPALLO-FARINI

Il percorso è interamente cartografato sulla tavola “APPENNINO PARMENSE- VALLE DEL CENO-Comune di Bardi - scala 1:25000


Dalla Palestra dove si effettua il cambio si lascia l‟abitato di Bardi in direzione Ovest con uno stradello interno alle case che devia in salita fino a raggiungere dopo circa 2 km di salita si prosegue in un tratto pianeggiante ma molto fangoso. Si giunge quindi ad una strada di servizio di un gasdotto (si nota una grossa valvola racchiusa da un rete metallica). Si attraversa la strada proseguendo in salita, arrivando in circa 1 km in prossimità del monte Crodolo e quindi al Lago dei Gazzi, una grossa pozza che poi asciuga d‟estate. Lasciando il laghetto sulla ns dx, si sale ancora seguendo il segnavia CAI fino a che si incontra dopo circa 1 km a dx del sentiero una fontana (in un avvallamento sotto) detta LE BASONE. Qui si trova una tenda gestita dall‟assistenza di Bardi PUNTOACQUA. Si prosegue con alcuni saliscendi e si arriva nella zona del monte Castellaccio, una piccola piramide in pietra che domina un largo pratone (fare molta attenzione specialmente in caso di scarsa visibilità, anche il segnavia CAI è molto poco visibile). Da questa zona si esce in alto alla sx del Castellaccio e si sale rapidamente su un pianoro sempre seguendo il sentiero CAI, siamo sul MONTE LAMA (1347m), la cui cima è definita da una croce e dove saranno presenti mezzi del SOCCORSO ALPINO (siamo al 75° km circa). La prima parte della discesa dal Lama è molto ripida e pericolosa, poi rapidamente si arriva fino ad una staccionata con pali di legno e filo spinato. Appena attraversata, prendere subito a sx costeggiando la recinzione in leggera discesa, sentiero CAI 901. Per un breve tratto è anche CAI 905. Si scende il sentiero CAI 901 lungo la stradina, seguendo i bolli bianchi e biancorossi dopo un paio di km, si arriva ad una deviazione evidente verso dx che porta, dove cominciano anche vecchi segnali giallorossi dell‟ippovia, verso la località di BRUZZI arrivando ad un breve tratto asfaltato. In corrispondenza dell‟asfalto si incontra un PUNTOACQUA (km 80 per la tappa unica). Si svolta a sx e si scende alla Trattoria dei Bruzzi con PUNTORISTORO SOLIDO E POSTAZIONE PROTEZIONE CIVILE. Dalla trattoria si ritorna indietro da dove si è arrivati e dopo 200 metri circa ad un grande spiazzo con un capannone si imbocca a destra uno sterrato in salita (a sx del capannone). Si arriva poco dopo in discesa attraversando un rio, secco in estate, a Selva di Sotto dove arrivati alle case si prende a sx ed in 20 metri si arriva all‟asfalto della strada provinciale. Qui si tiene la dx e si imbocca a sx in discesa dopo pochissimo una strada che porta ad alcune case. Al km 82 DA PONTREMOLI circa si incontra una bellissima Torre medievale (Torre S. Antonino) attenzione è pericolante. Si attraversano due rii (uno dei quali è il Rio S. Antonino) Si sale lungo lo sterrato e si arriva a La Croce (con una casa diroccata ed alcuni massi e si tiene la sx passando fra le casette abitate all‟asfalto si prende in salita verso la bellissima ed evidente torre del 1400 di Tornara. Di fianco alla Torre c’è una vasca privata (PUNTOACQUA). Si sale per 100 metri su asfalto e si prende a sx su strada ghiaiata. Si attraversa RIOVALLE. Da qui si va a Groppallo passando per POMETO e seguendo le frecce e bolli che portano nel bosco in salita e prendendo poi a sx la stradina in discesa nel bosco che in breve tempo ci porta all‟asfalto che svoltando a dx porta a Groppallo (KM 85) PUNTOACQUA. Dopo aver percorso tutto il paese di Groppallo c‟è una curva con guard-rail. Alla curva noi prendiamo lo sterrato a sx in discesa e dopo le case si tiene la sx scendendo in picchiata verso Groppazzolo con stradina boschiva segnalata in bolli bianchi e fettucce piegando poi verso SX attraversando Groppazzolo con la torre campanaria del „1000 e scendendo lungo la strada asfaltata per circa 300 metri girando a dx su sterrato imboccando il bosco verso Farini arrivando a Canova dopo circa 8 km da Groppallo. Da Canova si prosegue in discesa su asfalto e si arriva a Pradello vedendo FARINI con il ponte sul Nure.. Attraversato il ponte si scende dopo 20 metri a dx una scalinata che porta presso la chiesa in paese. Si incontra il PUNTORISTORO ED IL SOCCORSO ALPINO A CAVALLO. Siamo al km 96.

4/4° TAPPA – FARINI - MARETO - BOBBIO

Dalla Chiesa si prosegue e si supera il ponte passando sotto, risalendo il Fiume Nure percorrendo la strada asfaltata sul lungo-fiume, ci si porta dopo 2 km circa, vicino all'abitato di Croce Lobbia sede di una cella monastica di Bobbio . Non si entra nel paese, ma 300 metri PRIMA del ponte si prende la destra risalendo lungo la stradina in ripida salita e si arriva tenendo sempre la salita al paesino di Guglieri. In mezzo al paesino seguendo i segni in salita tenendo la sx ci si porta a Vigonzano. Si passa in mezzo al paese e poi troviamo, segnalato con un VA in vernice bianca (Via degli Abati) uno stradello a sinistra in discesa che diventa strada sterrata ci porta al cantiere del Molino de Mortè. Dopo l'ex mulino ora cantiere, superato un rivo, al primo incrocio si tiene la sinistra ed aiutandosi poi agli altri incroci con la segnalazione BIANCA oppure BIANCO ROSSA CAI ben visibile si giunge sempre salendo a Bolderoni. Arrivati all‟asfalto in mezzo alle case si attraversa (PUNTORISTORO ASSISTENZA SOCCORSO ALPINO) (Km 105). Si prosegue per NICELLI dove si prende una stradina sterrata ed erbosa che porta al FONTANONE PUNTOACQUA proseguendo in salita. Di qui seguendo i vari segnali si arriva alla strada ghiaiata con fondo pietroso scuro che porta al valico in circa 3 chilometri, senza deviare su altri segnali CAI o stradine laterali, transitando sul lato nord a circa 1230 m./SLM , della cima dell‟Aserei Siamo alla Sella dei Generali (RISTORO E PUNTO ACCOGLIENZA CON TENDE PROTEZIONE CIVILE E GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE) km 111 circa. Scendendo si prende, a sinistra la strada asfaltata in discesa con indicazione Peli, e dopo 200 metri a sinistra su di un sentiero segnato BIANCOROSSO CAI molto sassoso e smosso s‟incomincia a scendere fino ad arrivare all'abitato di Pescina. Proseguendo si svolta prima a sx su asfalto e poi subito dopo a dx seguendo il segnale gialloblu dei Cavalieri. Da qui in poco tempo si arriva, restando sulla destra, al paesino abitato di Cornaro (VASCA CON PUNTOACQUA). Sempre stando attenti ai BOLLI bianchi ed ai segnali bianco-rossi si segue il sentiero CAI 139 che in discesa ci porta al Castello di Faraneto (che all‟apparenza è più un casone semidiroccato). Appena prima del castello si imbocca a sx nel bosco in discesa e si SCENDE PER ALCUNE DECINE DI METRI E PRENDENDO IL BIVIO A SX CHE ENTRA NEL BOSCO POI continua a scendere per circa 1 chilometro sul sentiero segnato (Bollo Bianco AW e Biancorosso CAI) fino ad attraversare il torrente Curiasca e risalendo poi alla Torre dei Magrini che si nota a sx (della quale rimane in piedi solo una parete). Si superano gli abitati di Magrini e Boioli e si arriva a Coli (km 118) in poche centinaia di metri su asfalto (PUNTO RISTORO). Arrivati sulla piazza si devia a destra facendo la salita sulla strada asfaltata, poi seguendo il segnale CAI si sale a sinistra in ripida salita 200 metri circa , con tratto finale di 20 METRI SEMPRE A SX su sentiero fra le case . All‟asfalto della provinciale si attraversa la strada pietrosa proseguendo in salita e la si tiene proseguendo per 1000 m. su sentiero CAI che porta a Fontana) dove si prende l‟asfalto a dx per circa 100 metri e si piega subito a sx su sterrato in discesa per S. Cecilia (panorama sulla Val Trebbia) attenzione ai segnali su asfalto e frecce AW Bianche raggiungendo poi Case Belocchi (DA QUI INIZIA SEGNALE CAI IN DISCESA PER BOBBIO) e poi Pianella tagliando in ripida discesa sempre seguendo anche CAI alcuni tratti asfaltati si costeggia Case Gambado (che sono tre case diroccate che si intravedono nel bosco a dx) e poi, avendo di fronte il bellissimo panorama sulla Val Trebbia si arriva la strada asfaltata, dove, prendendo a destra nella pineta, si arriva al Ponte Gobbo. Siamo a Bobbio.
GRANDI!!!

Legenda

  • PUNTOACQUA: Punto con sorgente, fontana o casa anche non presidiato
  • PUNTORISTORO: Punto presidiato da personale con ristoro solido e liquido
  • (KM 40): Indicazione chilometrica di massima dalla partenza

AVVERTENZE

Info e regolamenti su:

theabbotsway-logo

PinacotecaStuard

Pinacoteca Stuard

in Musei di Parma (città)
Pinacoteca Stuard - Parma Luogo: Bgo Del Parmigianino 2 PARMA INFORMAZIONITel: 0521-508184 opp 0521.218890 Fax 0521.218875 Orari di aperturatutti i giorni dalle 9.00 alle 18.30 (martedì chiuso)Intero: € 4,00 - Ridotto per minori di anni 25 e maggiori di anni… Leggi tutto
San Venanzio

La Leggenda del Canale di Miravescovo

in Arte e Cultura - Albareto
San Venanzio (594-603) uno dei Vescovi di Luni anticaDiverse sono le vie di accesso che conducono al Passo dei due Santi (Faggio crociato).La prima, la più antica è quella che vi giunge attraverso la cosidetta "Pià lastra". Questa via interseca il canale di… Leggi tutto
garibaldi1

Il Castagno di Garibaldi

in Arte e Cultura - Sala Baganza
ovvero una possibile storia d'amore e il ricordo del soggiorno di Garibaldi a Maiatico. Il 17 marzo 1861 viene sancita lunità dello stivale e ..."Fatta l'Italia, bisogna fare gli italiani", esclama Massimo D'Azeglio. Intanto Giuseppe Garibaldi, nei giorni… Leggi tutto
MueseiDelCastello

Musei del Castello

in Sistema Museale Parmense
Muesei del Castello - Compiano (foto: Dettalella, Tripadvisor) Luogo: via Rossi Sidoli, 15 - Compiano (PR).Orario di apertura:da marzo a giugno e ottobre: domenica e festivi10,00 - 12,00 e 14,30 - 18,30. Luglio e settembre: sabato e domenica10,00 - 12,00 e… Leggi tutto
Preistoria a Berlini

Breve viaggio nella storia

in Arte e Cultura - Bardi
Preistoria a BerliniI reperti trovati in varie località del Comune attestano che questo territorio era popolato fin dalla Preistoria. Infatti, le prime testimonianze della frequentazione umana ci riportano al Paleolitico medio, da 85000 a 35000 anni fa,… Leggi tutto

Eventi

Link eventi Provincia di Parma

in Eventi
State cercando un'idea per trascorrere una serata o un fine settimana nel parmense?Mostre itineranti, concerti, sagre, fiere, manifestazioni... potrete cercare questo e tanto altro sfruttando un elenco, diviso per comuni, di link a “calendari eventi” presenti… Leggi tutto

youtube-provincial

La B15 - 2012

logo-b15

PROVINCIAL FINDER

Musei della Provincia

SistemaMuseale2

Musei di Parma (città)

banner-musei-parma-city