logo provincial geographic
sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia
scritta sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia

Comune di


BORGO
VAL DI TARO


Altitudine: 411 m s.l.m.
Superficie: 152,30 km²
Abitanti: 7.319 (31-12-2010)
Densità: 48,06 ab./km²
Cod.Postale: 43043
Prefisso: 0525
Nome Abitanti: borgotaresi
Patrono: Madonna del Carmine
Giorno Festivo: 16 Luglio
Sito Istituzionale: www.comune.botgo-val-di-taro.pr.it

Araldica

borgo-val-di-taro-stemmaCampo di cielo, al castello di rosso, torricellato di due, merlato alla ghibellina, aperto e finestrato di nero, movente da un mare d’azzurro, ombrato d’argento, e sormontato da un giglio d’azzurro. (18)

Chiesa di San Cristoforo

Chiesa di San CristoforoChiesa di San CristoforoAll’inizio del VII secolo, San Colombano, proveniente dalla natia Irlanda, giungeva in Italia alla corte longobarda.

A Bobbio, nel piacentino, fondava un monastero ottenendo vasti possessi in Val Taro e fra questi la “Curtis Turris cum appenditiis suis” uno dei più cospicui possedimenti di quel  monastero immune.

La chiesa di San Cristoforo, posta nel contesto della Curtis Turris che gli studiosi situano in Val Vona, fu certamente fondata dai monaci bobiensi e rappresentò un punto di riferimento per i viandanti che dalla pianura, attaverso il monastero longobardo di Gravago e il passo del Borgallo, si recavano a Pontremoli e da lì a Lucca e Roma.

I Longobardi non mancarono di favorire il sorgere di queste strutture che accanto alla funzione religiosa avevano anche quella di costituire un sistema di punti forti, sui quali fare affidamento in caso di conflitti con i Bizantini che tenevano saldamente il vicino versante ligure.

E’ da ritenersi quindi che, accanto alla chiesa, possano essere state presenti strutture destinate al ricovero e ristoro dei pellegrini e dei viandanti in genere.

Non va dimenticato, poi, che immediatamente a monte e a valle della chiesa si trovano resti di fortificazioni  di fine alto Medioevo, che possono essere state erette su precedenti costruzioni.

In una memoria scritta su un registro parrocchiale (ca. 1840) si legge che la chiesa subì un intervento di restauro nel 1017 per ordine di Plato Platoni, feudatario della zona.

Si sa per certo che sul vecchio campanile, quasi interamente demolito nel 1780, vi era una campana con la scritta Joannes me fecit - 1370, particolare riferito anche dal Boccia (1804).

L’attuale elegante campanile venne eretto (o ricostruito) nel 1833 e la campana andò distrutta nel 1856, come testimoniato da G. Battista Stefanini, tesoriere pro tempore della chiesa.

Quest’ultimo in una sua memoria scrive che all’interno della chiesa vi erano due pietre sulle quali erano scolpiti il sole e la luna, anch’esse distrutte nel 1833 perchè ritenute in qualche modo legate “al culto degli Idoli, all’Idolatria, ai falsi Dei”. Esiste tuttora, in un cassettone posto nell’abside, un blocco quadrato in pietra con un bassorilievo raffigurante un capro dalle lunghe corna.

Tali simboli sopra descritti hanno portato alcuni ad affermare che la chiesa esistesse come tempio pagano prima ancora della evangelizzazione del territorio.

La chiesa attuale, inserita in un paesaggio che alla severità delle rocce e degli strapiombi unisce la serenità e la dolcezza dei verdi pendii alberati e prativi,  ha la forma rettangolare, con qualche lesena all’esterno e all’interno. La parte absidale, con volta a botte, forma con la navata una specie di arco trionfale.

Non è da escludere che l’impianto odierno derivi dall’ampliamento di una precedente costruzione.

I lavori di restauro, tuttora in corso (1997), hanno messo in luce un tumulo comune e un’interessante sepoltura situata nell’abside.

Uno scavo archeologico in corso si spera possa portare nuovi elementi che permettano di ricostruire la storia di questa chiesa che è senza dubbio la più antica del territorio comunale e che possiede una sua bellezza che nettamente la distingue dalle altre.


Logo Comunità Montana delle Valli del Taro e del CenoDocumento pubblicato
grazie alla concessione
e alla collaborazione
della Comunità Montana
delle Valli del Taro e del Ceno
Illustrazione di Paolo Sacchi
www.sakai.dk

Centro storico del "Borgo"

Planimetria centro storico Borgo Val di Taro
Planimetria centro storico Borgo Val di Taro Il grande sviluppo edilizio degli ultimi…
Leggi tutto

Chiesa di San Antonino

Chiesa di San Antonino
Chiesa di San AntoninoNel marzo del 1226, nell’area occupata dall’ edificio attuale,…
Leggi tutto

Chiesa di San Domenico

Chiesa di San Domenico
Navata centrale della Chiesa di San DomenicoI lavori di costruzione della chiesa e…
Leggi tutto

Cenni storici Borgo Val di Taro

Palazzo del Pretorio
Situato nell’Alta Valle del Taro a m 414 di altitudine, sulla riva sinistra del fiume,…
Leggi tutto

Chiesa di San Rocco

chiesa-san-rocco
Con una bolla datata Bologna 1503, Papa Giulio II autorizzava la costruzione di un…
Leggi tutto

Chiesa di San Cristoforo

Chiesa di San Cristoforo
Chiesa di San CristoforoAll’inizio del VII secolo, San Colombano, proveniente dalla natia…
Leggi tutto

L'ambiente naturale di Borgo Val di Taro

Biancone
BianconeIl territorio del Comune di Borgotaro attraversato dalla Via dei Monasteri si…
Leggi tutto

La via dei monasteri

Cartina Via dei Monasteri
Cartina Via dei MonasteriDopo l’invasione dei Longobardi nel VI secolo, si assiste alla…
Leggi tutto