logo provincial geographic
sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia
scritta sport e tempo libero
meteo
eventi
itinerari
arte e cultura
accoglienza
ecologia

Comune di


FORNOVO
DI TARO


Altitudine: 158 m s.l.m.
Superficie: 57,65 km²
Abitanti: 6.294 (31-12-2010)
Densità: 109.2 ab./km²
Cod.Postale: 43045
Prefisso: 0525
Nome Abitanti: fornovesi
Patrono: Maria SS Assunta
Giorno Festivo: 15 Agosto
Sito Istituzionale: www.comune.fornovo-di-taro.pr.it

Etimologia

Potrebbe derivare dal latino forum novum, ossia mercato nuovo. La specifica fa riferimento alla vicinanza del luogo al fiume Taro.

Araldica

fornovo-di-taro-stemma

Castello turrito su fiume con aquila coronata e con le lettere F e N (Forum Novum) ai lati delle due torri e su campo rosso. Ornamenti esteriori da Comune con foglie di alloro a sinistra e di quercia a destra, sormontato da corona
Gonfalone:
Drappo di azzurro, riccamente ornato da ricami d'oro e caricato dallo stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in oro: Comune di Fornovo di Taro. I cordoni sono in oro. Cravatta con nastri tricolorati dei colori nazionali, frangiati d'oro. (18)

La Riserva naturale orientata di Monte Prinzera

Riserva Monte PrinzeraLa Riserva naturale orientata Monte Prinzera, posta nella media valle del Taro, è la sola area regionale istituita a tutela di un affioramento ofiolitico.
Gli itinerari al suo interno consentono di apprezzare la severa bellezza della scura roccia che emerge in dirupate pareti, si accumula in desolate pietraie o spunta un po' ovunque nelle praterie.
La speciale composizione fisico-chimica delle rocce, gli effetti di vento e aridità, l'isolamento geografico hanno determinato il concentrarsi di un sorprendente numero di specie floristiche esclusive e rare; vivono qui anche interessanti insetti, rettili e uccelli.
Situata sulle colline a sud di Fornovo la riserva è agevolmente raggiungibile percorrendo la statale 62 della Cisa che, per un tratto, ne segna il limite occidentale. La riserva è stata istituita nel 1992 e si estende su una superficie di 300 ha nei territori di Fornovo e Terenzo.
Oltre alle ofioliti, nel versante orientale si possono osservare spettacolari affioramenti calanchivi di argille varicolori e "marne rosse".
Per esigenze di tutela e a causa della sua fragilità ambientale, l'accesso è regolamentato.
Per informazioni, attività didattiche e visite guidate occorre rivolgersi al municipio di Fornovo.


Logo Comunità Montana delle Valli del Taro e del CenoDocumento pubblicato
grazie alla concessione
e alla collaborazione della
Comunità Montana
delle Valli del Taro e del Ceno
Illustrazione di Paolo Sacchi
www.sakai.dk

Fornovo e frazioni

La Pieve di Fornovo
La Pieve di Fornovo FORNOVO“... Questo loco è una piccola villa di sei o sette casette…
Leggi tutto

Un itinerario europeo

Cartina via francigena
L’unità dell’Europa trova le sue radici nel Medioevo e nell’unità dell’Europa cristiana,…
Leggi tutto

Breve viaggio nella storia

resti-ponte-fornovo
Resti dell'antico ponte Del territorio del Comune di Fornovo esistono molte tracce che ne…
Leggi tutto

L’ambiente naturale

Codibugnolo
CodibugnoloIl territorio del Comune (ha 5.765) è limitato a nord ovest dal corso del…
Leggi tutto

Fornovo, 6 luglio 1495

fornovo
"Appressandosi dunque Venetiani, Francesi furono i primi, che scaricarono l'artigliere…
Leggi tutto

La Riserva naturale orientata di Monte Prinzera

Riserva Monte Prinzera
La Riserva naturale orientata Monte Prinzera, posta nella media valle del Taro, è la sola…
Leggi tutto